COME MOSTRARE LA TUA OPPORTUNITA’ SENZA INFASTIDIRE I TUOI CONTATTI

Il network marketing è essenzialmente condivisione di un prodotto/servizio. 

Allora perchè più ne parli e lo promuovi meno le persone sembrano essere interessate a quello che hai da offrire?

Sulla scia dell’entusiasmo studi ogni sillaba del piano compensi, impari tutto quello che c’è da sapere sui prodotti e servizi offerti, prepari la tua presentazione “shock” a cui nessuno può resistere, sei pronto/a a demolire ogni obiezione e poi, quasi sempre, non concludi un bel niente!

Ti sei mai chiesto/a perché? E’ semplice.

Scappiamo da chi ci vuol vendere qualcosa.

‼️ Prova invece a tapparti la bocca e limitati a fare solo domande ed ascolto! Conosci il detto “CHI DOMANDA COMANDA”?

Ma quali domande sono quelle giuste?

Ovviamente sono quelle che ti fanno arrivare ai problemi delle persone, ai loro sogni, ai desideri più nascosti, alle loro paure, alle loro debolezze.

Capisci? Veicolare il prodotto/servizio è il fine della tua compagnia ma non è il tuo! 

💎 Semmai il tuo obiettivo è quello di far capire al tuo prospetto come il prodotto/servizio può risolvere il suo problema o far avverare il suo sogno. 

C’è una bella differenza! Non ti pare?

🔹 La prima potente domanda è: “Come va’?”. Sì. Hai sentito bene! 

Prova a chiederlo ad un tuo collega alla macchinetta del caffè il lunedì mattina. 

Vedrai che sinfonia di lamenti!

“Diciamo bene. Peccato Il week end sia volato via e nemmeno me ne sono accorto/a!”

“Non mi dire niente. Ho passato il week end in casa. Accidenti al brutto tempo ed oggi che siamo al lavoro c’è il sole! Che sfiga!”

“Sorvoliamo. Non ero ancora seduto alla scrivania che il capo mi ha sommerso di compiti! Questa settimana si fanno le 8 di sera tutti i giorni”

“Hai una domanda di riserva?”

Se la risposta non esprime ancora una problematica o un bisogno chiaro continua a domandare, scava fino a quando non arrivi al punto.

🔹 Basta chiedere “perchè?” Oppure “in che senso?”

🔹 Un’altra domanda che a me piace fare alle persone che ho conosciuto da poco è “che lavoro fai?”.

Se mi rispondono che lavorano come dipendenti chiedo: “hai mai pensato di metterti in affari per conto tuo?”. 

Se la risposta è “sì” chiedo allora “perchè non hai mai provato”?

Se rispondono “no” chiedo “perchè non lo hai mai preso in considerazione”?

Se rispondono che sono già in proprio. Chiedo “come sta andando?”.

Qualsiasi sia la situazione arriverai ad una lista di problemi e ragioni per cui la persona non si è mai messa in proprio, oppure lo ha fatto ma se ne è pentito/a, o, se lo è, per cui non è contenta.

Eccone alcune:

“Ci vogliono troppi soldi”

“Richiede troppo impegno”

“Non me la sento di correre rischi”

“Non penso di avere le abilità”

“Non ho idee su cui costruire una impresa”

“I guadagni finiscono tutti in tasse”

“Non ho mai avuto tempo e coraggio di lasciare il mio lavoro per farlo”

“E’ un incubo. La mia impresa è una prigione. Pensavo di trovare libertà ma mi illudevo”

A questo punto ti sarà facile fornire al tuo prospetto una soluzione attraverso il programma offerto dalla tua compagnia di network marketing ed invitarlo/a a valutare l’opportunità.

Sei disposto ad accettare una sfida con il tuo team?

Taggalo in questo post e solo per oggi divertitevi a fare solo domande nelle vostre conversazioni. 

Aspetto di leggere nei commenti come è andato l’esperimento.

>